top of page
Vista aerea della foresta

Un futuro energetico collettivo

Aggiornamento: 22 set 2023

L’autoconsumo diffuso e alcuni esempi di comunità


Nel 2019, l’Unione Europea ha concluso l’approvazione del pacchetto legislativo "Energia pulita per tutti gli europei" (CEP – Clean Energy Package), composto da otto Direttive che regolano temi energetici, tra cui: prestazioni energetiche negli edifici, efficienza energetica, energie rinnovabili e mercato elettrico.

Le direttive UE, stabilite dal CEP, cercano di mettere in atto quadri giuridici adeguati a consentire la transizione energetica e dare un ruolo di primo piano ai cittadini nel settore dell’energia. Queste direttive dovranno essere poi seguite dalle leggi nazionali sui rispettivi temi.


Da queste prime norme nasce il concetto di autoconsumo e si riferisce alla possibilità di consumare in loco e in maniera istantanea l’energia elettrica prodotta da un impianto di generazione locale per far fronte ai propri fabbisogni energetici.

L’articolo 21 della Direttiva sulle energie rinnovabili 2018/2001 definisce l’autoconsumo collettivo realizzato all’interno di un edificio, un sistema che fornisce elettricità a più di un consumatore ("uno a molti”).

L’esempio classico è quello di un edificio multi-unità con un sistema nell’area comune, in grado di soddisfare il fabbisogno di energia sia per le utenze condominiali che per quelle delle unità autonome.

L’autoconsumo collettivo si può ampliare anche a diversi edifici sparsi nel territorio purché sottesi alla medesima cabina primaria, in questo caso si parla di comunità energetica.


Alcuni esempi di comunità energetiche nel mondo




Gran Bretagna:

le Comunità Energetiche sono oltre 420. In particolare, quella delle Isole Scilly sta sperimentando anche l’energia marina.




Brooklyn, New York:

i cittadini e i commercianti che partecipano alla locale Comunità Energetica possono acquistare e vendere energia rinnovabile attraverso una app.


Australia:

ad oggi operano circa 100 Comunità Energetiche, la prima a nascere è stata quella di Hepburn Wind, che ha cominciato a generare energia nel 2011.



Giappone:

sono diffuse le enerugīkomyuniti, che sfruttano soprattutto l’energia solare.

Comments


bottom of page