top of page
Vista aerea della foresta

Comunità energetiche: In arrivo vademecum e mappa cabine primarie!

L’annuncio del ministro Picchetto durante un convegno GSE: "Entro fine Settembre uscirà il decreto con gli incentivi sulle comunità energetiche".
Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, G. Pichetto

A maggio lo stesso ministro aveva dichiarato che lo stesso decreto era di ritorno da Bruxelles “a giorni”, concludendosi però con un nulla di fatto. Il ritardo da Bruxelles è stato causato dalla “necessità di verificare la congruità, rispetto alle regole del mercato del cumulo dei benefici”, infatti il PNRR prevede contributi in conto capitale fino al 40 % oltre alla tariffa premio per piccoli Comuni.


Fra le novità principali annunciate c’è l’uscita del vademecum per le comunità energetiche che approfondirà le diverse configurazioni per l’autoconsumo, considerando i ruoli dei possibili partecipanti: pubbliche amministrazioni, enti, aziende ecc.

Inoltre sarà online entro fine mese la piattaforma aggiornata per le cabine primarie, strumento indispensabile durante la fase di costituzione di una cer o di un gruppo di autoconsumo.


Fra i presenti al convegno, c’era anche Carlo Salvemini, delegato nazionale Anci per l'Energia e i Rifiuti e sindaco di Lecce, che ha aggiunto che la creazione del vademecum ha l'obiettivo di fornire a tutti i Comuni tutte le informazioni necessarie per integrare l'autoconsumo e le comunità energetiche nelle loro pianificazioni abituali, specialmente in considerazione del complesso contesto attuale.

Questo documento supporterà i Comuni nell'attuazione delle iniziative,

offrendo modelli e casi già validati dal GSE.


Salvemini ha espresso inoltre la speranza che il decreto attuativo del Ministero dell'Ambiente arrivi il più presto possibile. Questo decreto dovrebbe definire gli incentivi per l'autoconsumo e le comunità energetiche locali e attuare la misura del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) che destina 2,2 miliardi di euro allo sviluppo delle energie rinnovabili nei Comuni con meno di 5.000 abitanti. Tuttavia, ha sottolineato che anche in questa fase transitoria e conformemente alla normativa attuale, i Comuni hanno la possibilità di sviluppare forme di autoconsumo ed organizzare comunità energetiche.


Per maggiori informazioni o per una prima consulenza gratuita, compila il FORM oppure scrivici all'indirizzo mail eyco@3estudio.eu.

Comentarios


bottom of page